LeAmantine
Babo 2-2

Anna Marina

Ho l’immensa fortuna di lavorare affiancata e sostenuta da una validissima équipe formata da agricoltori esperti e da un amico agronomo. Insieme, legati da un entusiasmo che è anche il nostro marchio di fabbrica, curiamo le duemila piante che crescono su un terreno di circa dieci ettari, ad un’altitudine di 330 metri slm. I nostri extravergini sono il frutto di competenza, passione, determinazione, sacrificio ma anche tanta sensibilità, perché nascono da momenti di complicità, amicizia e condivisione e dall’infinita riconoscenza nei confronti di chi ci ha preceduti. Un pensiero pieno di gratitudine va ai miei “vicini di terra” e amici pastori che mi hanno aiutato e incoraggiato. Il loro sostegno è stato fondamentale e avranno sempre un posto speciale nel mio cuore. Perché la verità è che nulla mi destinava all’olivicoltura. Sono laureata in lingue e letteratura francese, la mia altra grande passione, e mi sono ritrovata improvvisamente ad affrontare una realtà che conoscevo soltanto in modo superficiale. C’è voluto qualche anno, e anche qualche errore, per poter raggiungere l’altissima qualità che oggi caratterizza gli extravergini Le Amantine, che ogni anno mi premiano con un momento magico: il primo assaggio. Quel primo, irripetibile contatto con un Amantino, un Unico o un Talea, scandito dalla trepidazione e dall’impazienza di conoscere l’anima dell’annata appena raccolta. Un momento magico, che rivivo ogni volta negli occhi di chi lo assapora accanto a me…
signature_anna_marina